Comunicati stampa

5 dicembre: Giornata mondiale del volontariato

Daniela Höller ringrazia in particolare le tutrici e i tutori volontari di minori stranieri non accompagnati.

Harvey B. Mackay disse: “Ciò che abbiamo fatto per noi stessi muore con noi. Ciò che abbiamo fatto per gli altri dura per sempre.” Oggi più che in ogni altra giornata questa frase risulta pregnante: il 5 dicembre si celebra infatti, come ogni anno, la Giornata mondiale del volontariato, ricorrenza individuata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1985. Le persone e le organizzazioni che si occupano di volontariato possono cogliere quest’ulteriore possibilità di avvicinarsi alla popolazione, promuovere la loro attività, informare la comunità dei loro ambiti e delle loro modalità di lavoro, raggiungere non solo chi potrebbe avere bisogno dei loro servizi, ma anche persone con le quali iniziare una collaborazione.

“È fondamentale essere grati per il lavoro che volontarie e volontari svolgono, e ricordarlo sempre, soprattutto in una giornata come questa”, sostiene Daniela Höller, Garante per l’infanzia e l’adolescenza. “La loro occupazione mette in pratica un principio fondamentale richiamato dalla nostra Costituzione all’art. 2, la solidarietà, che viene indicata come un dovere inderogabile per ogni cittadino. Il volontariato raggiunge la società lì dove lo Stato non ha i mezzi per arrivare, consente alle persone di sentirsi parte di una comunità, di sentirsi uniti.”

Nel nostro territorio sono molteplici le realtà di volontariato che si occupano di bambine, bambini e adolescenti che collaborano strettamente con l’Ufficio della Garante. “In particolare, vorrei ringraziare pubblicamente le tutrici e i tutori volontari di minori stranieri non accompagnati, che svolgono con passione un compito fondamentale per i nostri giovani: accompagnano burocraticamente i minori, forniscono loro sostegno morale e diventano mentori per i giovani, spesso mantenendo i contatti anche una volta che ragazze e ragazzi sono diventati maggiorenni. Ho il privilegio di conoscere tutrici e tutori e la loro attività, in quanto a partire dal 2017 il mio Ufficio ha il compito di selezionarli, formarli e accompagnarli durante il loro percorso.” La Garante coglie l’occasione per ringraziare pubblicamente, fra gli altri, Carlo Bassetti, Samir Ben Haj Hassen, Mario Canzian, Markus Cappello, Maria Elena Crescentini, Alberto Cristani, Sandra D’Onofrio, Patrick Epoté, Francesco Esposito, Floriano Franceschini, Ingrid Gabardi, Margherita Gaudiuso, Melanie Gröpel, Antonella Lombardo, Elisabeth Mair, Guido Marinaro, Bernhard Paris, Alexandra Pöder, Paola Regano, Magdalena Thaler, Daniela Zambaldi, che ad oggi risultano iscritti all’elenco di tutori volontari presso il Tribunale per i minorenni di Bolzano. “Poter avere a che fare con tutrici e tutori volontari rafforza in me una forte fiducia nell’umanità tutta”, conclude Höller.

Se hai bisogno di informazioni e consulenza sui diritti dei minori o su situazioni che li coinvolgono, puoi rivolgerti in maniera gratuita alla Garante per l'infanzia e l'adolescenza. Siamo in via Cavour 23/c a Bolzano, e ci puoi raggiungere telefonicamente, al nr. 0471 946050, o tramite l'indirizzo e-mail info@garanteinfanzia-adolescenza-bz.org. Sul nostro sito www.garanteinfanzia-adolescenza-bz.org trovi tutte le informazioni sul nostro servizio.

GIA

Logo - Südtiroler Landtag