Comunicati stampa

Ambasciatrici ed ambasciatori della Garante per l'infanzia e l'adolescenza

La Garante per l'infanzia e l'adolescenza Daniela Höller sul nuovo progetto di sensibilizzazione per i bambini delle scuole primarie di primo grado e delle scuole dell’infanzia dell’Alto Adige, in collaborazione con la Libera Università di Bolzano

(da sx) Ruth Kuntner, Daniela Höller e la prima ambasciatrice della GAIA Maria Gatscher, studentessa al terzo anno del corso di laurea in educatore sociale presso la Libera Università di Bolzano.

Uno dei compiti principali dell’Ufficio della Garante per l’infanzia e l’adolescenza è la prevenzione e l’informazione. Ci rientrano ad esempio progetti di sensibilizzazione ma anche relazioni e corsi di formazione. La Garante per l'infanzia e l'adolescenza Daniela Höller quest’anno si è posta l’obiettivo di entrare maggiormente in contatto diretto con i bambini. Nelle scuole secondarie di primo e secondo grado l’Ufficio viene già spesso invitato per fare delle relazioni per i giovani. Lo scopo è di raggiungere anche i più piccoli e quindi di andarli a trovare nelle scuole primarie di primo grado e nelle scuole dell’infanzia. “Per questa fascia d’età abbiamo pensato di introdurre il tema in modo ludico. I bambini avranno la possibilità di conoscere i loro diritti e i compiti della Garante e capire come possono rivolgersi a noi”, spiega la Garante per l'infanzia e l'adolescenza Daniela Höller.

Per questo motivo è stato concluso un accordo con la professoressa Susanne Elsen, direttrice del corso di laurea in educatore sociale presso la Libera Università di Bolzano. In collaborazione con la Libera Università di Bolzano l'Ufficio della Garante per l'infanzia e l'adolescenza a partire da quest’anno formerà ambasciatori ed ambasciatrici che aiuteranno l’Ufficio nel suo importante lavoro di informazione. Il progetto si basa su un progetto già esistente e collaudato di alcuni uffici dei Garanti in Austria. Dopo una formazione approfondita presso l'Ufficio della Garante per l'infanzia e l'adolescenza gli ambasciatori andranno autonomamente nelle scuole dell’infanzia e nelle scuole primarie di primo grado di tutto l'Alto Adige per condurre laboratori ludici con le classi secondo un modello partecipativo

"Per i nostri studenti questa esperienza di tirocinio, affiancata dall’acquisizione della qualifica di ambasciatore o ambasciatrice dei diritti dei bambini e giovani, rappresenta un prezioso contributo per il loro curriculum professionale di educatori sociali", sostiene la professoressa Elsen. 

L'idea di questo progetto è nata due anni fa, quando la direttrice del circolo delle scuole dell’infanzia di Silandro Sylvia Baumgartner e la collaboratrice pedagogica Ruth Kuntner della scuola dell’infanzia di Lasa hanno contattato la Garante per l'infanzia e l'adolescenza Daniela Höller per sapere se fossero previsti anche dei laboratori per i bambini della scuola dell’infanzia. Ed è proprio in questo asilo che si è tenuto recentemente uno dei primi laboratori.

Affinché i bambini non si dimentichino dell'Ufficio della Garante per l'infanzia e l'adolescenza ricevono un piccolo ricordo della visita: si tratta di un adesivo di Fridolin, il piccolo drago e guardiano dei diritti dei bambini.

GIA

Logo - Südtiroler Landtag